• Francesca Lattanzi

A SCIARE A LUGLIO? Si sul ghiacciaio dello Stelvio

Aggiornamento: lug 27






Per gli amanti dello sci, la stagione estiva è un vero dramma: la neve non c'è e non si può sciare... ma ci sono delle alternative. Tra le varie mete estive per gli appassionati dello sci, noi di solito andiamo allo Stelvio.









Cosa troverai in questo articolo?

  1. Il passo dello Stelvio

  2. Sciare sul ghiacciaio dello Stelvio in estate

  3. La nostra giornata sciistica estiva tipo

  4. Cosa vedere nei dintorni o dopo aver sciato

  5. Dove pernottare al passo dello Stelvio anche in camper



1. IL PASSO DELLO STELVIO


IL Passo dello Stelvio si trova tra la Lombardia e il Trentino Alto Adige, con i suoi 2.758 metri, è il più alto valico automobilistico d'Italia e il secondo d'Europa. La strada che collega Bormio con Prato allo Stelvio, conta ben 88 tornati, 40 sul versante lombardo e 48 sul versante altoatesino. Sempre sul versante Lombardo ad un certo punto la strada si collega ad un valico che conduce in Svizzera, nel Canton Grigioni.


La strada è stata voluta all'inizio dell'800 dall'Imperatore Francesco II d'Asburgo per collegare la Val Venosta con Milano (allora territorio austriaco), venne costruita in soli tre anni. Il valico era percorso tutto l'anno da un servizio di diligenze anche durante il periodo invernale. Mentre adesso il passo da novembre a maggio è chiuso.

Piccola curiosità: sul passo dello Stelvio c'è lo sportello bancario più alto d'Europa, attualmente di proprietà della Banca di Sondrio.





2. SCIARE SUL GHIACCIAIO DELLO STELVIO IN ESTATE

Gli appassionati di ciclismo conoscono il passo dello Stelvio perché è una delle "salite storiche" del Giro d'Italia sia per la sua lunghezza che per il dislivello. Molti invece lo conoscono perché l'hanno fatto con la moto...

Ma non tutti sanno che sul ghiacciaio ci si può andare a sciare, anzi in estate molti sciatori professionisti si allenano allo Stelvio, e tra le tante scuole dedicate a questo sport, c'è anche l'università dello Sci.


Sul ghiacciaio dello Stelvio infatti c'e una delle più vaste aree sciistiche estive delle alpi: con oltre 20 Km di piste che si raggiungono dal parcheggio del passo prendendo due funivie, una fino al monte Trincerone (circa 3000 metri), e una seconda funivia che porta al rifugio del Livrio dove parte un primo lungo ski-lift che porta alle altre piste, come puoi vedere dalla cartina.








Il ghiacciaio del Livrio è uno degli ultimi ghiacciai in territorio italiano rimasto sciabile in estate. Purtroppo spesso negli ultimi anni si è dovuto chiudere a causa del il ritiro del ghiaccio che, oltre all'assenza di neve, provoca dei lunghi crepacci. Crepacci che, come vedi dalla foto, possono diventare piuttosto pericolosi. Sciare su un ghiacciaio è una bellissima esperienza ma bisogna stare molto attenti.







3. LA NOSTRA GIORNATA SCIISTICA ESTIVA TIPO


Generalmente noi quando facciamo il weekend allo Stelvio partiamo il giovedì pomeriggio, in modo da arrivare a Bormio per l'orario di cena. Ci fermiamo a cena al solito ristorante e poi andiamo in Hotel.

Andiamo sempre all'hotel Perego (il mio compagno ci va da anni e ci andava anche con gli amici) che è proprio sul passo a pochi minuti a piedi dalla funivia.

No non siamo ancora andati in camper, mi piacerebbe ma...: in fondo lascio alcune informazioni per i camperisti di altri camperisti.


La cosa che mi diverte quando partiamo da Bormio, è monitorare la differenza di temperatura, a regola a Bormio siamo sui 15°, che scende man mano che saliamo, fino ad arrivare ai -2°... per mia grande gioia...


La mattina di solito sveglia presto, gli orari di apertura delle piste variano dal periodo e dallo stato del ghiacciaio, quando siamo andati noi erano aperte dalle 7:30 alle 13:00 poi gli impianti chiudono.

Colazione con furto (legalizzato) di alcuni panini per fare merenda sulle piste, visto che poi il pranzo tra tutto è attorno alle 14:00.

Partenza e mattinata di sci, con merenda (se c'è) e pausa caffè al Livrio verso le 11.

Quando le piste chiudono scendiamo, di solito ci buttano proprio fuori perché siamo appassionati sciatori, e restiamo il più possibile spesso rimaniamo soli sulle piste, che è il momento più bello per sciare...

Rientro in albergo con i motociclisti che ci guardano scioccati perché siamo vestiti con le tute da sci, gli scarponi, casco e sci in spalla....

Pranzo in hotel...

Un oretta di relax perchè tra la levataccia e lo sci, a star seduti a pranzo viene l'"abbocco", poi le opzioni sono tante, passeggiata nei dintorni a guardare le marmotte, calcola che siamo nel Parco Nazionale dello Stelvio, oppure si va a Bormio a fare due passi o alle terme, o a fare shopping a Livigno... (i dettagli nel prossimo paragrafo)

Cena a letto presto e la mattina dopo si ricomincia...





4. COSA VEDERE NEI DINTORNI O DOPO AVER SCIATO


Bormio

Se vuoi rilassare i muscoli dopo una mattinata di sci intenso, puoi andare a Bormio e rilassarti nelle acque dei Bagni Vecchi o di quelli nuovi di Bormio. Oppure andare a divertirti con i tuoi figli al Bormio Terme dove troverai anche piscine interne, esterne e acquascivoli.

Ma Bormio non è famosa solo per le terme, il centro storico è pieno di piccoli tesori:

  • la chiesa parrocchiale di del Sassello a cui sono attribuiti diversi miracoli,

  • la chiesa parrocchiale dei Santi Gervasio e Protasio di origine medievale,

  • il Kuerc, risale al XIV secolo, insieme alla Torre della Bajona è uno dei simboli di Bormio: è una tettoia ad anfiteatro, sotto ci sono delle panche li anticamente si amministrava la giustizia e alle colonne venivano esposti i decreti e le sentenze.

  • la Torre della Bajona, domina la pizza principale, e grazie alle sue dimensioni il suono arrivava anche alle vallate circostanti per adunare la popolazione.

  • La Torre Alberti nel centro storico, risale al XIII secolo e nelle sue stanze venivano ospitate le personalità che venivano in visita. Oggi ci trovi il Punto Informazioni del Parco Nazionale dello Stelvio.

Se sei a Bormio devi fermarti in uno dei tanti ristoranti ad assaggiare la cucina tipica valtellinese, tra cui i famosi pizzocheri, i sciatt, la polenta taragna...



Il Parco Nazionale dello Stelvio:

E' l'area protetta più estesa d'italia, copre le provincie di Brescia, Trento, Bolzano e Sondrio, si trovano oltre 100 ghiacciai, e svariati ambienti naturali con oltre duemila specie di piante, fiori e animali selvatici come cervi, caprioli, stambecchi, camosci, marmotte che vedi anche passando in auto nei dintorni del passo, e l'aquila reale che è il simbolo del parco. Il Parco Nazionale è aperto tutto l'anno


Livigno:

Concludiamo con Livigno, famoso per essere l'unico paese in Italia "esente IVA" questo lo rende una meta ambita per tutti gli amanti dello shopping, infatti i prezzi sono inferiori rispetto al resto dell'Italia. Con i suoi 10 km di negozi tutti tax free, compreso alcolici, tabacco e carburante, gli amanti dello shopping devono però fare attenzione a non superare i limiti imposti dalla tabella merceologica.

Ma Livigno non è solo shopping: ha anche una Ski arena con oltre 115 km di piste (c'è anche la possibilità di sciare in notturna), oltre 30 km di piste per lo sci di fondo, piste per slitta, sentieri per passeggiate nella neve con o senza ciaspole; mentre in estate le piste innevate si trasformano in prati che ospitano gli amanti della Mountain bike con percorsi downhill e freeride di diverse difficolta.

Anche a Livigno la cucina valtellinese la fa da padrona, se sei a Livigno devi fermarti a provare le varie specialità.




5. DOVE PERNOTTARE AL PASSO DELLO STELVIO

Sul passo dello Stelvio ci sono vari hotel, cliccando qui trovi tutti gli hotel e relativi recapiti.



Per quanto riguarda il camper: la strada che porta al passo dello Stelvio è piuttosto tortuosa da entrambi i versanti: in questa nella foto vedi uno scorcio della la strada da Bormio, non l'abbiamo ancora fatta in camper, ma conoscendola in auto diciamo che è piuttosto impegnativa, anche se ci passano i bus di linea, per cui non impossibile.

Il problema sono certi tratti: i tornanti sono tanti e stretti, anche le gallerie sono basse e strette dove l'ideale sarebbe stare bene in centro ma il traffico è sui due lati e non si sa mai chi si incontra.




Forse salire da Bormio la strada è un pò meglio, mentre partendo da Prato allo Stelvio, ci sono subito una cinquantina di tornanti con una pendenza tra il 7 e il 13% che, per quanto sia spettacolare, con un camper grande può rivelarsi piuttosto difficoltosa.






Mentre scendere dal passo, in entrambe le direzioni, è un impegnativo perché la pendenza della salita, in discesa mette a dura prova i freni sollecitati sia dalla pendenza, dall'eventuale traffico, dai vari tornanti e dalle gallerie.

Sul passo non ci sono aree di sosta camper, per gli amanti della libera ci si può fermare negli ampi posteggi, ma sempre meglio chiedere ai ristoratori o alla cassa della funivia.





Attenzione che la strada anche in estate durante la notte potrebbe essere chiusa: in fondo trovi i link dove informarti.






6. LINK AI SITI UTILI





Passo dello Stelvio per tutti i dettagli aggiornati, orari, meteo, prezzi per sciare e altre informaizioni,

Bormio: per sapere cosa fare e vedere, manifestazioni in corso...

Livigno : cosa fare, vedere, manifestazioni

Parco Nazionale dello Stelvio : tutte le informazioni riguardanti il parco









Prima di ringraziarti dell'attenzione volevo ricordarti che ti aspetto nel mio canale Telegram, cosi ci conosciamo meglio https://t.me/camperistasemiseriailgruppo e se hai visitato qualche posticino o qualche ristorante allo Stelvio o nei dintorni, lascialo nei commenti o nel gruppo Telegram.


17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti