• Francesca Lattanzi

PERCHÈ ANDARE IN VALLE VERZASCA

Aggiornamento: lug 4

te lo spiego in questo articolo




LA VALLE VERZASCA


Siamo in una valle fluviale che si estende per 25 km tra pendii scoscesi, cascate, rocce metamorfizzate, una particolarità è che le diverse zone, a seconda dell’ altitudine e dell’esposizione hanno diversi climi, ma anche vegetazione e animali.





Pur essendo montuosa e selvaggia, la Valle Verzasca ogni anno attira migliaia di turisti sicuramente per la varietà delle attività che offre: accontenta infatti, escursionisti, mountain bikers, scalatori, bagnanti, amanti della natura, delle immersioni o del canyoning.

Il fiume è molto bello con i suoi pozzi cristallini, trampolini naturali ma è anche estremamente pericoloso e molte persone perdono la vita: bisogna assolutamente prestare attenzione alla segnaletica del posto.



COSA DEVI VEDERE VAL VERZASCA


LA DIGA DELLA VERZASCA


Perché devi fermarti alla diga della Verzasca, o diga di Contra?

Perché qui è stata girata una delle più famose scene di stunt della storia del cinema: il salto di apertura nel film di James Bond GoldenEye con Pierce Brosnan.

Se ami il bungee jumping poi non puoi evitare di lanciarti: sono 7 secondi di caduta libera.

E se non ami il bungee dumping è comunque molto suggestivo camminare su una delle dighe più alte del mondo: 220 metri di altezza, lo spessore alla base è di soli 25mt che si riduce a 7 metri sul coronamento.

La costruzione della diga tra il 1961 e il 1965 ha sommerso diverse abitazioni e terreni agricoli






IL PONTE DEI SALTI A LAVERTEZZO


Uno dei luoghi più instagrammabili della Val Verzasca è infatti il soggetto preferito dai fotografi, non solo per la bellezza di questo ponte in pietra a due arcate di origine medioevale, dopo la parziale distruzione del 1868, è stato ricostruito del 1960. In estate i più temerari lo usano come trampolino per i tuffi. Ma ci si può semplicemente rilassarsi sulle rocce a prendere il sole o fare il bagno nelle acque color smeraldo.



Nelle vicinanze c'e una cappella del XVIII secolo, un grottino e da qui si snodano diversi sentieri.




FRASCO VAL VERZASCA


Nel villaggio di Frasco che nell'ottocento era un piccolo centro artigianale per l'alta valle, troviamo il mulino, costruito nel 1880 che dopo essere stato restaurato ha ricominciato a macinare farina di mais per la polenta. Proprio come allora l'acqua del canale mette in moto l'antica ruota orizzontale il legno e permette di macinare il grano tra le pesanti macine di pietra. Non dimenticare di acquistare la farina!


La centralina idraulica costruita nel 1925 sfruttava l'acqua del riale quando il mulino era formo e forniva luce agli abitanti di Frasco e Sonogno.

L'ULTIMO PAESE DELLA VAL VERZASCA:

SONOGNO



Sonogno è l’ultimo paese della Valle Verzasca, è un comune di meno di 100 abitanti, assolutamente da vedere, con le sue case decorate di fiori, le strade acciottolate, la casa della lana e il museo che raccontano la storia e le tradizioni di questa splendida valle.


E poco distante merita una visita la cascata della Froda







ALTRE COSE DA FARE E DA VEDERE IN VAL VERZASCA

Tutta la valle offre diverse attività:


Brione Verzasca con il suo parco di Bouldering,


Il sentiero delle leggende a Gerra Verzasca è un percorso adatto a tutta la famiglia per andare alla scoperta di luoghi e leggende della Valle Verzasca. Per i più tecnologici scansionando i codici QR dei pannelli si possono ascoltare direttamente dallo smartphone storie di animali parlanti, streghe, diavoli, santi e Crüsc, la storia del cacciatore di Sonogno, l'oro nel laghetto, e tutti i segreti che animano il bosco.



La pista di biglie in legno del BoBosco è un ingegnosa pista per biglie costruita in legno di castagno che si estende per 5,5 km nel bosco sta Brione Verzasca e Lavertezzo, si snoda tra 12 postazioni con carrucole, chiuse d’acqua. Divertententissima per bambini... di tutte le età.


La Val Verzasca è molto frequentata dagli amanti dei trekking: si può camminare sulle cime con vista sul Vallese e sulle alpi bernesi, oppure si possono attraversare i passi e arrivare alle valli adiacenti.


La Via alta della Verzasca è uno dei percorsi piìu selvaggi della Svizzera, collega 5 capanne passando per alpeggi, ripidi canaloni, valli di difficile accesso. È consigliato agli escursionisti esperti: alcuni passaggi sono attrezzati con corde o maniglie metalliche.


Ma numerosi sono i sentieri, i percorsi, le capanne che offrono vitto e alloggio anche ai meno esperti; il Sentierone della Val Verzasca attraversa la valle da Tenero a Sonogno, può essere percorso a piedi, e alcune parti in Mountain bike








COME ARRIVARE IN VAL VERZASCA


L’unico punto di accesso alla valle con i mezzi a motore è a sud da Tenero o da Gordola.



IN CAMPER


Per i camperisti si può sostare in una delle due aree:

- Brione “Capela Grande”

12stalli

Wi-Fi

Camper service

46o 17’ 25” N / 8o 47’ 35” E

756 metri di altezza

- Sonogno

15 stalli

Camper service

46o 20’ 59” N / 8o 47’ 19” E

900 metri di altezza

Ricordatevi di esporre bene in vista la “Verzasca Campercard” che si può acquistare negli appositi parchimetri oppure agli infopoints di Tenero, Diga Verzasca o Sonogno, costa 24.- Franchi ed è valida per 24 ore.




71 visualizzazioni0 commenti